25 Apr

Letteratura orizzontale: istruzioni per l’uso – di Paola Del Zoppo

libropianoinclinato

 

Istruzioni per l’uso: Letteratura orizzontale

di Paola Del Zoppo

La letteratura orizzontale è quella letteratura dei nostri giorni in cui nulla si solleva dal piano. È una letteratura che esiste da sempre, ma che adesso e da alcuni decenni ha le sue maggiori chance di successo. La letteratura orizzontale non è necessariamente letteratura di mass-market, anche se quella è la sua vocazione primaria: tale vocazione va sviluppata il più energicamente possibile per ottenere risultati significativi. La pubblicazione di letteratura orizzontale è altamente consigliata a tutti gli editori che vogliano stare al passo con il mercato e l’evoluzione dello stesso, ma soprattutto che vogliano stabilire un rapporto profondo e duraturo con il lettore.

Premessa: La letteratura orizzontale si può esprimere per comodità in una funzione che si collochi tutta nei reali, e non presenta asintoti verticali: un asintoto verticale esiste solo se ci sono dei candidati asintoti nel campo d’esistenza. La letteratura orizzontale è causa ed effetto dell’attaccamento al piano dei reali. La letteratura orizzontale spesso si sviluppa per quantità di pagine e non per profondità: f è derivabile e f’ (x) = 0, quindi f ha in x un punto stazionario (dove f ha la tangente parallela all’asse x). Read More

16 Apr

Per un “lessico del Tarmigiano” – di Pietro Del Vecchio

melonicecchidef

A grande richiesta dei nostri lettori, tornano gli approfondimenti sul mondo dell’editoria.

Oggi riproponiamo “Il lessico del tarmigiano” di Pietro Del Vecchio.

***

Il lessico del tarmigiano
di Pietro Del Vecchio

Riflessioni sparse per un finale unico. L’editoria è senza dubbio una pratica artigianale perché la produzione di un libro ha sempre alle spalle un processo artigianale di selezione, acquisizione dei diritti di edizione, eventuale traduzione, impaginazione, stampa, distribuzione eccetera.

Read More

27 Gen

Una poesia al giorno (ci salverà)

poesia al giorno

 

(di HILDE DOMIN)

DOPO IL TELEGIORNALE:
NAPALM – OSPEDALE DA CAMPO
Ai margini del sonno
emergono loro
teste
nuotano
sull’acqua del sogno
sulle coperte
un orizzonte di morenti
teste dai grandi occhi
“le guerre si fanno con gli uomini”
mi guardano
occhi
nessun cielo ha il pallore
di occhi dolenti

(traduzione di Ondina Granato)

*** Read More

26 Gen

Una poesia al giorno (ci salverà)

poesia al giorno

 

(di HILDE DOMIN)

CHI TORNA A CASA
Ogni ricordo soffriva
troppo lontano
troppo lontano oltre la meta
di nostalgia.
Ma la tenerezza
del cotiledone
senza cui non esiste crescita
il riparo
di una mano.
L’alta spirale
su cui
troppo tardi
impariamo tutto.

(traduzione di Ondina Granato)

*** Read More

22 Gen

Una poesia al giorno (ci salverà)

poesia al giorno

 

 

(di HILDE DOMIN)

DI NOI
Si leggerà di noi nel futuro.
Mai avrei voluto suscitare nel futuro
la pietà degli alunni.
Mai essere su un quaderno di scuola
in questo modo.
Noi, condannati
a sapere
e non ad agire.
La nostra polvere
non tornerà mai terra.

(traduzione di Ondina Granato)

*** Read More

20 Gen

Una poesia al giorno (ci salverà) / HILDE DOMIN

poesia al giorno

Inquinati come siamo dalle pubblicazioni per la Giornata della Memoria, abbiamo pensato di offrirvi qualcosa di assolutamente nostro e incorrotto: una poesia al giorno di Hilde Domin per le prossime due settimane, perché siamo convinti che niente è più autentico e salvifico della poesia. (Le poesie sono tratte da Lettera su un altro continente e Il coltello che ricorda, entrambi a cura di Paola Del Zoppo, 2015 e 2016, Del Vecchio Editore)

***

ALTERNATIVA
Vivevo su una nuvola
su un piatto volante
e non leggevo giornali.
I miei piedi delicati
non percorrevano più le strade
che non sapevano percorrere.
Consolandosi l’un l’altro
come due colombe
rimpicciolivano ogni giorno di più.
Certo ero inutile.
Il piatto di nuvole si spezzò
caddi nel mondo
un mondo di carta smerigliata.
I palmi delle mani mi fanno male
i piedi si odiano l’un l’altro.
Piango.
Sono inutile.

(traduzione di Ondina Granato) Read More

17 Dic

UN CLASSICO NATALE 1 / LEONHARD FRANK

melonicecchidef

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non è concesso sbagliare regalo a Natale e, se si sceglie di regalare un libro, si punta sempre sul classico. In queste settimane di festività, vi parleremo dei nostri classici: COLETTE, MARGUERITE DURAS, CHARLES DICKENS, LEONHARD FRANK, MAX FRISCH.

Oggi vi parliamo di Leonhard Frank Read More

17 Mar

MARGINALIA – ANNA MARIA CURCI

marginaliaaa

I lettori di SenzaZucchero conoscono ormai la profondità, l’esattezza, la chirurgica espressività dei MARGINALIA di Anna Maria Curci. Oggi tocca a lei.

Contro l’inanità: Sic transit gloria mundi di Heinz Czechowski Read More