30 Set

Angelo Orlando Meloni intervista Luigi Cecchi

melonicecchidefCome annunciato nei giorni scorsi, proponiamo ai lettori di SenzaZucchero un’elastica intervista/dialogo tra Luigi Cecchi e Angelo Orlando Meloni.

***

AOM. Avverto qualcosa di familiare, nel leggere i racconti di Luigi Bigio Cecchi. Il karma del pinolo mi riporta a casa, o per lo meno molto, molto vicino a quell’accrocco dello spazio-tempo dove tutto è cominciato, molti anni fa. Forse mentre leggevo del Nautilus in certi pomeriggi assolati, prima di andare a mare, e la scogliera era un abisso pieno di mostri. Oppure ancora al cinema, mentre vedevo Star Wars con mia madre, che amava la fantascienza persino più di me. I racconti di Luigi Bigio Cecchi sono, in una parola, rinfrancanti (anche se ciò potrebbe sembrare paradossale). Storie fantastiche, mondi leggermente o totalmente diversi da questo in cui viviamo al minimo salariale di stipendio ed emozioni, indignazione e rabbia comprese.

Read More

22 Set

ANTEPRIMA / IL KARMA DEL PINOLO / LUIGI CECCHI

1438666958759-KARMACome promesso, ecco in anteprima un racconto della raccolta Il karma del pinolo di Luigi Cecchi (Del Vecchio Editore, 2015).

NASCITA DI UN EDIFICIO

di Luigi Cecchi

Le strade erano affollate, come se qualcuno avesse indetto un Carnevale all’improvviso. La marea delle famiglie solitamente inchiodate nelle case dal ripetersi della quotidianità, aveva deciso di riversarsi nelle strade, per riprendersi quel poco di incoscienza che spetta un po’ a tutti.

I meno impreparati avevano sollevato grossi cartelli sui quali erano stati fatti scivolare i colori sintetici di bombolette spray, segnando su legno, cartone o lenzuola di stoffa l’approvazione per quanto stava per accadere. Read More

07 Set

SECONDO NATURA / by BIGIO (LUIGI CECCHI)

SenzaZucchero è tornato riposato e frizzante dalle vacanze, proprio come la spuma del mare… da cui deriva anche la sua bellezza. Completamente nuovo, completamente diverso ma con sempre ferma e vivida la memoria di chi siete voi, i lettori. Rinnovarsi è dell’essere e noi non facciamo eccezione.

Il mese di settembre segue un percorso monografico e presenta ai lettori un autore di cui avrete sentito parlare e di cui sentirete parlare. Luigi Cecchi. Sceneggiatore di fumetti e disegnatore di comic strips, è noto al pubblico per il fumetto Drizzit (Shockdom), in cui fa parodia del genere fantasy costruendo un universo compatto in cui il nonsense svela continuamente la trappola insita in una silenziosa accettazione dei risvolti meschini del quotidiano. Diversi suoi racconti sono stati premiati e inseriti in antologie o pubblicati su riviste, tra cui «Nuova Prosa». Del Vecchio Editore, pubblica a settembre la raccolta di racconti Il karma del pinolo che sviluppa la raccolta Frammenti, che nel 2011 è stato segnalata al PREMIO CALVINO.

Domani verrà pubblicato il fumetto Secondo Natura, che Bigio/Luigi Cecchi ha scritto (in una performance di 24 ore) per il sito 24 ore Comics, cui seguiranno nelle prossime settimane un racconto in anteprima tratto da Il karma del pinolo e  un’intervista all’autore.

 

1_Secondo_Natura

 

 

02 Set

UN’ESTATE CON COLETTE / 2

estate Colette2

UN’ESTATE CON COLETTE / seconda e ultima parte
di Angelo Molica Franco e Chiara Carlino

***

In questo frangente d’incertezza interiore, la presenza materna di Missy aveva rappresentato per lei un prezioso appiglio. Tuttavia Colette, giunta all’età di trentasette anni, cominciava a mal sopportare i vincoli d’un rapporto di coppia che si faceva sempre più limitante. Onde allentare il giogo della marchesa, alla fine del 1910 Colette cominciò a intrattenere una blanda relazione con Auguste Hériot (1886-1951), il figlio di uno dei proprietari dei Grands magasins del Louvre, che più tardi servirà – suo malgrado – da modello per Chéri (1920).

Non è importante stabilire se in un luogo imprecisato un ex giovane, oggi bianco e curvo, sia sfuggito al suicidio che imposi a Chéri. Ma è dolce constatare che il mio giovincello di oscure origini e la sua melanconia, che lo trascinerà alla fine verso un’infeconda purezza, abbiano mosso un largo pubblico, non fosse che per il pepe della curiosità.

Caro ragazzo venuto a intervistarmi, avrei potuto rispondervi: Sì, ho incontrato Chéri. Tutte noi abbiamo incontrato Chéri, con le sue qualità meteoriche. Avreste desiderato, caro ragazzo, entrare vagamente turbato in ciò che chiamate tra di voi “una storia di gigolò”. Questa parola invecchia senza grazia, evoca non so quale tic nervoso. Perché non “diabolo”? Perché un giovane demone non dovrebbe fregiarsi di un nome, come lui, amorevole e carico di minaccia? Una storia di diabolo…

Ma sì, ho incontrato Chéri, e più di una volta, come ogni tipo di tentazione. A ogni donna spetta il proprio turbamento, e il paragone con turbamenti diversi. Read More