30 Nov

Moussa Konaté in tour in Italia

In occasione dell’uscita dell’ultimo romanzo, L’impronta della volpe, arriva in Italia Moussa Konaté, uno dei i più significativi scrittori africani viventi. Saranno scrittori e studiosi del calibro di Gianni Biondillo, Alessandro Perissinotto, Carlo Lucarelli, Gaetano Savatteri, Marco Modenesi e Carlo Mazza Galanti ad accompagnare lo scrittore africano e presentarlo ai lettori italiani. Il tour toccherà le città di Milano, Torino, Bologna, Firenze e Roma dove l’ultimo appuntamento avrà luogo alla fiera della media e piccola editoria Più libri Più liberi. Il tour è organizzato con il sostegno e la collaborazione delle librerie indipendenti: Linea d’ombra, Trebisonda, Trame, Florida e Griot, e di associazioni no profit che si occupano o operano nel continente africano: Cospe, Abarekà, Fabbrica Europa, e Scritti d’Africa. Read More

27 Nov

Svanire, Deborah Willis – formebrevi, 10 dicembre 2012

«La gamma emotiva e la profondità di queste storie, la chiarezza e l’abilità compositiva sono stupefacenti.» Alice Munro

«La raccolta d’esordio rivela il talento formidabile della scrittrice canadese. Se fossi uno che scommette, punterei un mucchio di soldi sul successo di Deborah Willis.» The Times 

«L’opera della Willis è composta in superficie di dati di fatto, ma al di sotto dello smalto c’è l’impulso che afferra fino al termine della lettura. Il lettore sa cosa verrà scoperto. Ma non può smettere di leggere né distogliere lo sguardo.»  Eye weekly

Read More

20 Nov

Del Vecchio Editore – Pisa Book Festival 2012

Del Vecchio Editore al Pisa Book Festival 2012

François Vallejo e Fabio Napoli ospiti a la Repubblica Caffè.

Del Vecchio Editore è presente al Pisa Book Festival 2012 con due autori ospiti del salotto di Repubblica Caffè, animato dai giornalisti Fabio Galati e Laura Montanari. Read More

16 Nov

Il più grande cane del mondo

Di tanto in tanto mi capita di raccontare la storia del più grande cane del mondo. Recentemente l’ho fatto per un vecchio amico che non vedevo da anni. Sì, certo, era stato attore anche lui: attori ed ex attori si frequentano fra di loro perché non sono molti gli esseri umani in grado di sopportarli senza aver pagato un biglietto. Stavamo cenando insieme in un troppo costoso ristorante del centro, quando Ermete fece il suo ingresso nella conversazione. Inavvertitamente. Proprio come entrava in scena.

Il mio amico stava considerando con sospetto il misterioso contenuto del suo piatto quando, colto da un raptus di invidia, con la forchetta indicò una zona imprecisata alle mie spalle:

– Cos’ha preso la cicciona?

– E come faccio a saperlo? È dietro.

– Be’, guarda, tanto non ha mai sollevato la testa dal piatto.

Così mi voltai e, per uno di quegli inspiegabili cortocircuiti cerebrali, l’omeopatica porzione di lasagnette al pesto gratinate in padella con una fantasia di coquillages mi evocò Ermete.

– Le migliori lasagne al pesto di tutti i tempi le faceva Ermete Duse, – dissi con il tono di chi afferma una verità lapalissiana.

– Chi, scusa?

– Non hai mai sentito parlare di Ermete Duse?

– No. E cosa avevano di speciale le sue lasagne al pesto?

– Erano straordinarie. Ma perché tu possa capire devi prima sapere che Ermete era meglio noto come il più grande cane del mondo.

– Ma cane, cane? Read More

14 Nov

Breve dizionario di sopravvivenza (lavorativa) collaborativa

Collaborazione
Regola numero uno: mai utilizzare la parola lavoro. Il termine lavoro potrebbe implicare infatti una retribuzione, un contratto e, in definitiva, un impegno da parte del datore di lavoro – anzi, di collaborazione. Non c’è errore più grave quando si invia un curriculum di scrivere nell’oggetto della e–mail la parola “lavoro”, o peggio: “offerta di lavoro”. Molto meglio la parola collaborazione. L’utilizzatore di questo termine trasmetterà l’idea di una totale devozione al lavoro – pardon, alla collaborazione –, di una passione che nulla ha a che vedere con retribuzioni, contratti, diritti. Collaborazione significa io e te. Io collaboratore e tu datore di collaborazione. Il datore di collaborazione vedrà così in voi non un dipendente ma un amico pronto a dare all’azienda tutta la sua professionalità, senza altre assurde pretese come stipendio, ferie, malattie. Read More

09 Nov

L’assassino. Gwyneth Lewis

Questo approfondimento a L’assassino della lingua di Gwyneth Lewis è apparso sul blog di Viviana Scarinci

http://vivianascarinci.wordpress.com/

***

Cosa si intende per autore minore? Su che piano si gioca la minorità di un autore? Se “l’autore minore” può essere visto come “uno straniero nella propria lingua” (1) nel caso di Gwyneth Lewis, la minorità si esprime in primo luogo nella reale appartenenza a una minoranza linguistica, quella gallese. Read More